Finalntasy’s Weblog


Commerz compra Dresdner Esame tedesco per Generali
September 2, 2008, 7:43 pm
Filed under: news su internet | Tags: , , , , , ,

da MilanoIncognita tedesca nel futuro delle Generali, il cui accordo di bancassurance con Commerzbank non sarà prolungato oltre la scadenza del 2010. È la conseguenza all’unione tra Commerzbank e Dresdner da cui nascerà il secondo gruppo bancario tedesco alle spalle di Deutsche Bank. L’operazione, approvata ieri dai rispettivi consigli di sorveglianza, prevede che Allianz ceda Dresdner a Commerzbank per 9,8 miliardi. Al termine delle due fasi del riassetto, probabilmente nella seconda metà del 2009, Allianz avrà però una quota del 30% nel nuovo gruppo bancario diventandone il socio forte. Per finanziarsi Commerzbank cederà inoltre al gruppo assicurativo i fondi di Cominvest per 700 milioni.Il matrimonio ha una doppia ripercussione in Italia visto che Generali, attualmente primo azionista di Commerz, con l’8,8%, si troverebbe a convivere con la concorrente Allianz. Inoltre, Commerz fa parte del patto di sindacato di Mediobanca (a sua volta prima socia delle Generali). L’unione Commerz-Dresdner impone quindi a Trieste di rivedere la propria strategia in Germania, chiedendo magari una compensazione nell’Est Europa. Al momento Generali mantiene una posizione di studio con l’intenzione di far pesare il proprio impegno azionario.«Questa è una transazione che ha un forte significato strategico per Commerzbank. In qualità di maggiore azionista di Commerzbank la priorità del nostro gruppo è stata sempre quella di acconsentire a qualsiasi transazione che fosse accrescitiva di valore per tutti i nostri azionisti.
Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=287209



Maratona sì: ma correre di più?
September 2, 2008, 4:28 pm
Filed under: news su internet | Tags: ,

Mi pare già di sentirlo l’Ambrogio, milanesone interista del Bar dello Sport in zona Sempione dall’epoca-Meazza: «Tut chi el Murigno?» (per i non milanesi: «tutto qui, Mourinho?»). In effetti fino alla ripresa del torneo lo Special One sembrerà poco speciale, come il pareggio di Marassi, giusto e insipido. Difficile fare il 4-3-3 con poco Mancini, al di là del gol di Ibra, e pochissimo Figo, a cui l’età sta presentando il conto. Non fidatevi di Moratti: dopo il pareggio con la Samp, Quaresma arriva. Ad attenuare le critiche la difficoltà del campo di Marassi e, bravura di Cambiasso a parte, le assenze dei titolari di difesa, ma la squadra dopo un’ora ha la lingua a penzoloni. L’anno scorso anche Mancini partì con l’1-1, per di più casalingo con l’Udinese, ma quest’anno c’è lo scotto del nuovo modulo. Dall’arrivo di Mourinho, tutti ubriachi di gioia e di pallone: molto lavoro tecnico-tattico, poco fondo, «lavoro sporco» fondamentale. L’Inter sa come fare la partita, ma per ora non ha le gambe per tenerla fino in fondo. Se col passare dei minuti si spegne, qualsiasi avversario si accende. Serve un bel richiamino fisico complessivo, altrimenti ha ragione l’Ambrogio: «Tut chi, el Murigno?» http://www.gianlucarossi.it

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=287273



MAXXI
September 2, 2008, 4:22 pm
Filed under: news su internet | Tags:

Il «Maxxi» è il Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma. È una istituzione del Ministero curata dalla «Parc», la Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee. La sede è progettata dall’architetto Zaha Hadid.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=287203



Il «Ronalsogno» dura dieci minuti
September 2, 2008, 11:28 am
Filed under: news su internet | Tags: , , ,

Spesi bene i soldi per Ronaldinho. Solo quelli. I milanisti reduci dalla processione a San Siro trasformata nel funerale di Nasser smoccolano contro Ancelotti ma raccontano del divertimento. «Soldi spesi bene per Dinho» si ripetono fuori dai cancelli nella calura insopportabile di Milano. Lui, l’artista brasiliano, accolto con frenesia e poi accompagnato da boati di ammirazione, si presenta con la misura dei cantanti lirici. Prima scalda la voce, più tardi si misura nell’acuto. Così Ronaldinho partito a passo cadenzato: dopo 3 minuti tocca il primo pallone, niente di speciale, amici. Al secondo intervento apre le gambe per misurare lo scatto di Pippo, al terzo inventa il pallonetto che Inzaghi non trasforma in lingotto d’oro. La notizia piomba a metà della prima frazione: c’è il primo recupero di Ronaldinho, capace di ringhiare sulle caviglie di Amoroso. Il suo colpo di testa alla mezz’ora è una dimostrazione palese che lui non ci sa fare con la testa: anche perché tutti quei riccioli neri, raccolti in una fascia nerissima, forse gli soffocano la forza. E infatti Antonioli si ritrova la boccia in bocca, senza neanche sbattere le ciglia. Con i giri giusti invece, il cross per Ambrosini che fa 1 a 1.Ma lo spettacolo è nella ripresa quando Dinho comincia a martellare Zenoni e il Bologna: primo assist per Seedorf, secondo per Inzaghi, terzo per Sheva. In dieci minuti apparecchia l’inferno che può salvare l’anima del Milan e del suo scombiccherato schieramento.
Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=287245



Commemorazione della rabbia
August 2, 2008, 2:42 pm
Filed under: news su internet | Tags: , ,

Ancora una volta l’anniversario della strage di Bologna sarà trasformato dai soliti noti, particelle elementari di Rifondazione Comunista e sinistre sciolte, in uno spettacolo osceno di contestazione al rappresentante delle Istituzioni, in questo caso il ministro Gianfranco Rotondi in vece del Guardasigilli, Angelo Alfano, che ha rinunciato, d’accordo con il governo, per cercare di calmare almeno un po’ quella piazza. Troppo generosi, probabilmente, perché magari per una volta sola sarebbe bene trasmettere in diretta quale scempio venga compiuto del ricordo doloroso e silenzioso di ottantacinque morti, in una strage che, a differenza di altre vicende tragiche italiane, ha colpevoli accertati, in condanna definitiva, che scontano ancora la pena. La verità giudiziaria secondo me, e secondo quelli che conoscono le carte, in questo caso non corrisponde alla verità dei fatti, ma l’anniversario di oggi si celebra con quei colpevoli, e nessuna riapertura delle indagini. Di che lamentarsi dunque?Dicevo i soliti noti perché ci sono ad aizzarli anche degli ignoti, o meglio che vorrebbero passare per tali, ma ci riescono malamente. Prendete due interviste comparse ieri sul Corsera a Libero Mancuso e a Paolo Bolognesi. Il primo è ora assessore del sindaco Sergio Cofferati alla Sicurezza (infatti Bologna è tornata linda pinta e sicura quasi come il porto di Marsiglia di notte), ma soprattutto pubblico ministero in servizio permanente effettivo.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280332